| Coordinamento AGENDE 21 Locali Italiane |

Menu principale


Collegamento all'Agenda di A21 ITALY
ultimo aggiornamento
27/06/2006

Collegamento alla Newsletter di A21 ITALY

Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini
WEB TV
Guarda il filmato del convegno
Gli Aalborg Commitments in Italia: dalla firma all'attuazione

Collegamento al sito web del progetto ENVIPLANS (lead partner: Coordinamento Agende 21 Locali Italiane)

Collegamento al sito web del progetto IDEMS (Integration and Development of Environmental Management System) di cui siamo partner

Collegamento alla pagina della Campagna Città Equosolidali

16/02/2005
DOSSIER KYOTO

L'acqua è un diritto umano
by Green Cross Italia

FACILE E VELOCE

logo x link A21ITALY
scarica
questa immagine
(click col tasto destro)
incollala sul tuo sito
e crea il LINK!

N E T W O R k I N G

| PARTNERS |

Le reti
Uno degli obiettivi principali del Coordinamento ed uno dei principi alla base dello sviluppo sostenibile è il potenziamento delle reti per progetti e scambi di esperienze ed il consolidamento delle capacità progettuali, tramite la costruzione di partnerships tra soci e partners nazionali ed internazionali.
Dall'anno di costituzione del Coordinamento, sono state attivate molte collaborazioni per il raggiungimento degli scopi sociali: alcune di esse sono state inoltre formalizzate tramite la firma di convenzioni e protocolli d'intesa.
Nel corso del 2005, infine, il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è diventato membro della Commissione Mediterranea per lo Sviluppo Sostenibile, organo consultivo per il Piano d'Azione Mediterraneo dell' UNEP (collegamento web) per la definizione delle strategia per lo sviluppo dell'area mediterranea.

Protocolli di intesa e convenzioni sono stati firmati con le seguenti associazioni:
  • ANCI Associazione Nazionale Comuni Italiani [collegamento web]

  • UPI Unione Provincie Italiane [collegamento web]

  • AICC Associazione Italiana Città Ciclabili [collegamento web]

  • ABM Associazione dei Comuni Brasiliani [collegamento web]

  • FOCA Fondazione Oasis Città Aperte [collegamento web]

  • Federambiente Federazione Italiana Servizi Pubblici Igiene Ambientale [collegamento web]

  • Comité 21 Comitato Francese per l'Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile [collegamento web]

  • Xarxa de Ciutats i Pobles cap a la Sostenibilitat [collegamento web]

  • Comitato Ecolabel/Ecoaudit [collegamento web]

  • CNEL Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro [collegamento web]

  • WWF Fondo Mondiale per la Natura [collegamento web]

  • Banca Popolare Etica [collegamento web]

  • ICLEI Europe [collegamento web]

  • Città di Montevideo [collegamento web]

  • Repubblica Orientale dell'Uruguay [collegamento web]

  • per maggiori informazioni consulta il Bilancio sociale 2005 [.pdf | 5,2 MB]

    I nostri partners italiani

    logo Associazione Italiana Città Ciclabili
    AICC
    (Associazione Italiana Città Ciclabili)
    è stata costituita nel novembre 1990 dalle amministrazioni comunali di Milano, Torino e Padova.
    Il Presidente è Ivo Rossi.
    Scopo fondamentale dell'Associazione Italiana Città Ciclabili è di promuovere nel paese, ed in particolare nelle aree urbane, l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto e di fruizione naturale del territorio.
    Il Protocollo d'intesa tra AICC ed il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 4 dicembre 2003.
    [ collegamento web ]

    logo Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ANCI
    (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani)
    è un'Associazione volontaria di Comuni, singoli o associati, che si organizza su Associazioni Regionali aventi loro autonomia.
    Essa non ha scopi di lucro
    Il Presidente è Leonardo Domenici.
    I Comuni, aderendo all'Associazione Nazionale, automaticamente aderiscono a quella Regionale di appartenenza.

    Possono aderire all'ANCI, previa specifica delibera del Consiglio Nazionale, altri Enti di derivazione comunale che ne condividono i presupposti e l'attività.

    Lo scopo dell'Associazione è la rappresentanza e la tutela delle autonomie locali riconosciute dalla Costituzione e dei diritti ed interessi degli aderenti.

    Degli 8104 Comuni italiani, 6406 sono membri dell'Associazione Nazionale.
    L'ANCI rappresenta dunque circa il 90% della popolazione italiana complessiva.
    Il Protocollo d'intesa tra ANCI e UPI congiuntamente e il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 10 settembre 2003.
    [ collegamento web ]

    logo Banca Popolare Etica Banca Popolare Etica
    Banca Etica, ha per oggetto la raccolta del risparmio e l'esercizio del credito, anche con non Soci, ai sensi del D. Lgs. IO settembre 1993 n.385 e può compiere, per conto proprio o di terzi, tutte le operazioni ed i servizi bancari e finanziari consentiti dalle disposizioni di Legge e regolamenti in materia, nonché ogni altra attività ed operazione strumentale o comunque connessa al raggiungimento dell'oggetto sociale;
    Il Presidente è Fabio Salviato
    Gli obiettivi delle attività che verranno poste in essere sono:
  • Sensibilizzazione degli associati di Agenda 21 sui principi della finanza etica, per mettere l'interesse della collettività al primo posto in tutte le attività sociali, comprese quelle imprenditoriali.
  • Attivazione di scambi informativi, mettendo a disposizione i propri strumenti di comunicazione, in particolare i siti web, per divulgare tutté le iniziative concernenti lo sviluppo sostenibile e Agenda 21 Locale e le attività di finanza etica.
  • Sviluppo di percorsi di riflessione che colleghino il concetto di sostenibilità ambientale a quello di responsabilità sociale, tramite la realizzazione congiunta di attività seminariali, di formazione e di ricerca.
  • Approfondimento congiunto sulle modalità attraverso la quale finanziare opere, studi, servizi e tecnologie sostenibili.
  • Il Protocollo d'intesa tra Banca Popolare Etica ed il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato a Firenze l'8 aprile 2005.
    [ collegamento web ]

    logo Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro CNEL
    (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro)
    Il Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro CNEL è previsto dalla Costituzione della Repubblica Italiana.
    Il Presidente è Antonio Marzano.
    L'art. 99 della Costituzione lo definisce:"Organo di consulenza delle Camere e del Governo per le materie e secondo le funzioni che gli sono attribuite dalla legge. Ha l'iniziativa legislativa e può contribuire alla elaborazione della legislazione economica e sociale secondo i principi ed entro i limiti stabiliti dalla legge".
    L'ACCORDO QUADRO tra il CNEL ed il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 27 maggio 2004.

    Lo stesso Accordo Quadro è stato sottoscritto anche da:
    | Federparchi | CGIL | CISL | UIL | UGL | FITA | CIA | Confagricoltura | Confcommercio | Confesercenti | CNA | Casartigiani | CONFAPI | FITUS | Lega delle Cooperative | Confartigianato | ARPA Lazio |
    [ collegamento web ]

    logo Comitato Ecolabel-Ecoaudit Comitato Ecolabel-Ecoaudit
    Il Comitato Ecolabel-Ecoaudit, istituito con il DM 413/95, è l'organismo competente italiano per l'esecuzione dei compiti previsti dal Regolamento del Consiglio (CEE) n.880/92 istitutivo dell'Ecolabel. (Ora sostituito dal Regolamento del Parlamento e del Consiglio (CE) n.1980/2000; e dal Regolamento del Consiglio (CEE) n.1836/93 riguardante il sistema comunitario di ecogestione ed audit (EMAS), ora sostituito dal Regolamento del Parlamento e del Consiglio (CE) n.761/2001.)
    Il Presidente è Giuseppe Lucchesi.
    Il Comitato è articolato in due Sezioni (Ecolabel ed Emas), che, in autonomia, svolgono i compiti previsti dai regolamenti comunitari.

    Il Comitato è composto da rappresentanti dei Ministeri dell'ambiente, dell'industria, della sanità e del tesoro, che durano in carica tre anni e si avvale del supporto tecnico dell'ANPA per lo svolgimento delle istruttorie tecniche relative alla concessione del marchio Ecolabel e all'adesione al sistema EMAS.
    Il PROTOCOLLO D'INTESA (.pdf) tra il Comitato per l'Ecolabel e l'Ecoaudit sezione EMAS ed il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane per la Promozione dello Sviluppo Sostenibile e delle Agende 21 Locali in Italia è stato firmato il 29 ottobre 2004
    [ collegamento web ]

    logo Federambiente FEDERAMBIENTE
    (Federazione Italiana Servizi Pubblici Igiene Ambientale)
    è l'Associazione che riunisce soggetti in qualsiasi forma costituiti che gestiscono pubblici servizi di igiene e risanamento ambientale o che applicano i CCNL di settore.
    Il Presidente è Daniele Fortini.
    Gli scopi principali di Federambiente sono:
  • lo sviluppo del sistema dei servizi pubblici locali nel campo ambientale;
  • la promozione e la tutela degli interessi degli associati e degli utenti;
  • la rappresentanza delle imprese associate nelle sedi istituzionali e di Governo, nei contratti collettivi di lavoro e nella definizione di accordi - quadro in campo industriale e commerciale.
  • Gli associati sono 261 tra Società, Aziende Consortili, Comuni, Province e altri soggetti operanti nel settore ambientale.

    I Comuni serviti sono circa 1.600, gli abitanti circa 30 milioni, i dipendenti totali del comparto oltre 38.000.

    La quantità di rifiuti raccolti, trattati e smaltiti è di circa 20 milioni di tonnellate all'anno, e sono presenti 41 impianti di incenerimento e termovalorizzazione.
    Il Protocollo d'intesa tra Federambiente e il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 13 gennaio 2004.
    [ collegamento web ]

    logo Unione delle Province Italiane UPI
    (Unione delle Province Italiane)
    è l'Associazione che rappresenta tutte le Province d'Italia, escluse le Province autonome di Trento, Bolzano e Aosta, e le città metropolitane.
    Il Presidente è Fabio Melilli.
    Svolge compiti di valorizzazione, promozione, supporto tecnico e politico in favore delle associate  e promuove la tutela delle istanze locali presso il Governo e il Parlamento.

    L'Unione ha il compito di sostenere, nel rispetto dell'autonomia delle associate, la realizzazione di un ordinamento amministrativo che valorizzi le Province come enti esponenziali delle popolazioni residenti nell'ambito delle rispettive circoscrizioni territoriali.
    L'UPI è parte della Conferenza Unificata e della Conferenza Stato-Città e Autonomie locali, istituite presso  il Governo, la prima con funzioni consultive, di raccordo, di scambio dati in tutti i casi in cui regioni, province comuni e comunità montane debbano esprimersi su un medesimo oggetto;
    la seconda per coordinare i rapporti tra Governo ed Enti locali.
    Il Protocollo d'intesa tra ANCI e UPI congiuntamente e il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 10 settembre 2003.
    [ collegamento web ]

    I nostri partners stranieri

    logo Associazione dei Comuni Brasiliani ABM
    ( Associazione dei Comuni Brasiliani)
    costituita nel 1946, è una entità dichiarata di utilità pubblica senza fine di lucro che riunisce 5561 comuni brasiliani.
    Il Presidente è José do Carmo Garcia.
    Ha la finalità di attuare una stretta collaborazione con i comuni promuovendo ed appoggiando le amministrazioni locali nelle loro attività e rafforzando il movimento municipalista in favore dello sviluppo sostenibile e della decentralizzazione.
    Il Protocollo d'intesa tra ABM e FOCA congiuntamente e il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 19 agosto 2003.
    [ collegamento web ]

    logo Comité 21 Comité 21
    (Comitato Francese per l'Ambiente e lo Sviluppo Sostenibile)
    Associazione francese per l'ambiente e lo sviluppo sostenibile, è stata creato senza fine di lucro nel 1994, sotto l'impulso di Michel Barnier, allora Ministro dell'Ambiente, per contribuire alla concretizzazione degli impegni francesi al Summit della Terra di Rio.
    Il Presidente è Eric Guillon.
    Il Comité 21 riunisce 300 aderenti, ripartiti in quattro Collegi:
  • Piccole e grande Imprese;
  • Enti locali;
  • Associazioni impegnate nella protezione dell'ambiente, nel commercio equo, nell'educazione allo sviluppo sostenibile o la solidarietà internazionale;
  • Enti pubblici e media.

    Il Comité 21 ha fatto dell'azione concreta la sua filosofia ed il suo modo di intervento.
    Il suo ruolo consiste nell'accompagnare, identificare, valorizzare le buone pratiche per contribuire al loro sviluppo nelle strutture di management.

  • Il Protocollo d'intesa tra Comité 21 e il Coordinamento Agende 21 locali Italiane è stato firmato all'inizio del mese di maggio, a Parigi, in occasione del Convegno fondatore della nuova Organizzazione Internazionale "Città e Governi Locali Uniti", fusione tra FMCU e IULA.
    [ collegamento web ]

    logo Fondazione Oasis Città Aperte FOCA
    (Fondazione Oasis Città Aperte)
    È una ONG che opera prevalentemente in Brasile; si occupa di ambiente e sviluppo rurale e gestisce riserve naturali e di biodiversità.
    Il Presidente è Marilia Bernardes.
    Il Coordinamento delle Agende 21 locali italiane è stato invitato a partecipare al recente Forum internazionale sullo sviluppo rurale sostenibile organizzato dalla FOCA.
    Il Protocollo d'intesa tra ABM e FOCA congiuntamente e il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è stato firmato il 19 agosto 2003.
    [ collegamento web ]

    logo XARXA DE CIUTATS I POBLES CAP A LA SOSTENIBILITAT XARXA de Ciutats i Pobles cap a la Sostenibilitat
    La Xarxa vuole essere una struttura di discussione e di scambio di esperienze per conseguire obiettivi comuni di sostenibilità nei Municipi.
    Il Presidente è Núria Buenaventura Puig.
    Come risultato dell'interesse percepito da parte dei comuni piccoli e medi, di crescere insieme verso modelli più sostenibili di sviluppo, la Diputació de Barcelona ha favorito la creazione della Xarxa de Ciutat i Pobles cap a la Sostenibilitat, ratificata in Assemblea Costitutiva in Manresa, il giorno 16 di luglio del 1997, con la partecipazione di 118 comuni.

    Con questa rete si è inteso creare una piattaforma dove i municipi possano sommare disponibilità economiche e sforzi per conseguire obiettivi comuni di sostenibilità e dove i Comuni possano trovare uno scambio di esperienze ed un dibattito adeguato alle scelte che dovranno compiere.
    La firma del Protocollo d'intesa tra Xarxa de Ciutats i Pobles cap a la Sostenibilitat, Comité 21 ed il Coordinamento Agende 21 Locali Italiane è avvenuta in occasione del World Urban Forum (Barcelona 2004), nell'ambito del seminario "Verso un Coordinamento Mediterraneo delle Reti Agenda 21 Locali .
    [ collegamento web ]


    Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari.
    I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori, ed il resto © 2004 di proprietà del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane
    Questo sito è stato creato con MaxDev. MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL

    customized by: Dr. Giordano CUOGHI

    Powered by MD-Pro